Notre-Dame de Paris, il balletto torna al Teatro Carlo Felice

Genova – Mancava dal capoluogo ligure dai primi anni ’70 quando i parchi di Nervi ospitavano le star internazionali del balletto nel celebre Festival. Notre-Dame de Paris torna al Teatro Carlo Felicenell’unica tappa europea della tournée internazionale del spettacolo prodotto dal Teatro dell’ Opera di Astana, in Kazakistan.

Giovedì 23 novembre alle ore 20.30 e venerdì 24 novembre alle 15.30 e alle 20.30, appassionati di danza e semplici curiosi potranno assistere ad uno spettacolo maestoso, con decine di ballerini sul palcoscenico nella riedizione dello spettacolo originale che nel 1965 debuttò sul palcoscenico del Palais Garnier di Parigi e “certificato” da Les Ballets Roland Petit Foundation e i costumi di Yves Saint Laurant.

Un evento assicurato grazie alla forte collaborazione artistica che da tempo esiste tra il Teatro Carlo Felice e il Teatro dell’Opera di Astana.

Dopo le importanti trasferte del Carlo Felice in Kazakhstan e in Oman, il Ministero della Cultura kazako, a conclusione dell’Expo 2017, ha scelto Genova come unica tappa di una tournée internazionale del balletto e per l’occasione l’orchestra genovese verrà “integrata” da 8 musicisti del teatro kazako nella particolare ed importante sezione delle “percussioni”. Un ulteriore sinergia e collaborazione artistica molto gradita dagli stessi orchestrali impegnati in uno scambio culturale molto importante.

Notre-Dame de Paris, tratto dal romanzo di Victor Hugo, il più famoso autore romantico francese, con la sua trama fortemente popolare debuttò sul palcoscenico del Palais Garnier nel 1965. Il risultato vincente fu la collaborazione di un gruppo di celebrità: il più popolare coreografo francese, Roland Petit, che fu anche il primo interprete del ruolo di Quasimodo, il celebre stilista Yves Saint Laurent, il rinomato compositore Maurice Jarre e il famoso regista e scenografo di cinema e teatro René Allio. Da allora questa originale creazione dal taglio grottesco, imbevuto di plasticità moderna, accentua la bellezza perfetta del balletto classico. La dura realtà e la triste fantasia si intrecciano in questo spettacolo di monumentalità tragica che, quasi subito dopo la prima rappresentazione, si è imposto stabilmente in repertorio diventando un classico indiscusso nel mondo della coreografia contemporanea.

Informazioni sul sito del Teatro Carlo Felice

© Riproduzione riservata

Генеральный спонсор

Спонсоры и партнеры